LIFTING MEDICO CON FILLER E TRADIZIONALE CON FILI

Lifting medico: come funziona?

Con il passare del tempo, il nostro viso tende a passare da una forma di triangolo rovesciato, in cui la punta è rivolta verso il mento e i vertici sugli zigomi, ad una forma piramidale, con vertice sul naso e base sul mento; in pratica lo scivolamento del derma e dei tessuti dovuti alla forza di gravità e all’invecchiamento fa sì che il viso perda tono e si svuoti progressivamente.

Oltre alla chirurgia (lifting del volto) abbiamo a disposizione metodiche non invasive che ci permettono di sollevare e ripristinare volumi perduti, mediante l’utilizzo di specifici filler volumetrici all’acido ialuronico. Spesso il paziente si focalizza su una singola rughetta, ma in realtà è più opportuno andare a correggere la causa che l’ha prodotta, ovvero la perdita di spessore e tono del derma.
Il prodotto viene iniettato in varie zone del viso allo scopo di ripristinare le proporzioni armoniche del volto.

Il trattamento è ambulatoriale, minimamente doloroso e si può tornare nell’immediato alle normali attività. Il risultato è estremamente naturale e l’aspetto è di refresh generale, senza che vengano stravolte le proporzioni dell’ovale del viso.
Il trattamento dura circa 20 minuti e si può ripetere a distanza di tempo una volta che il filler si è riassorbito.

La durata è circa di un anno; in associazione ai filler, possiamo utilizzare i fili di trazione in pdo, riassorbibili anch’essi, che inseriti nel derma e ancorati con delle spicole, creano sostegno e trazione verso l’alto a zone di cedimento.

La fibrosi del tessuto prodotta dalla loro azione, crea in oltre un’azione di riempimento delle strutture dermiche.