Di cosa si tratta?

Le rughe orizzontali della fronte, le rughe verticali tra le arcate sopracciliari e le zampetta di gallina che circondano a raggiera gli occhi sono tutte rughe d’espressione, date cioè dal movimento accentuato e costante dei muscoli mimici del nostro volto. Come tali, non ha molto senso riempirle con fillers, in quanto il muscolo continuerà a muoversi e a renderle visibili. L’approccio a questo tipo di rughe più appropriato è l’utilizzo di tossina botulinica (botox), che legandosi ad un recettore che si trova all’interno dei muscoli, li rilassa dando un aspetto disteso, rinfrescato e tonico a tutto il terzo superiore del volto.

L’aspetto che da il botox sarà inespressivo?

Questa è la domanda più frequente che viene posta al medico estetico. Il botox, se effettuato alle corrette concentrazioni e conoscendo perfettamente l’anatomia del volto non altera l’espressività del viso e soprattutto non stravolge la mimica facciale, semplicemente rilassa l’aspetto, minimizzando i segni dell’invecchiamento.

La Dott.ssa Rispoli esegue il trattamento nel rispetto dell’armonia del volto, evitando l’aspetto “frozen” che rende poco naturale e inespressivo il volto.

Ogni quanto si effettua?

Il botox è un trattamento ambulatoriale che si effettua ogni 4/6 mesi; è rapido, minimamente doloroso e si può riprendere la normale quotidianità subito dopo.

Ci sono delle precauzioni da prendere?

Affinchè il farmaco si distribuisca correttamente e rimanga nel sito di iniezione, è opportuno per i primi 2/3 giorni non massaggiare la fronte, evitare saune, bagni turchi, lampade abbronzanti ed attività fisica intensa.

Conseguenze?

Piccoli ponfetti possono essere presenti nei punti di iniezione, ma scompaiono dopo pochi minuti. Nel caso di ecchimosi, queste si risolvono spontaneamente in qualche giorno e sono sempre mascherabili con correttori o camouflage.

Chi può effettuare questo trattamento?

Il trattamento con botox non ha età, dipende dal grado di invecchiamento e dalla tendenza a segnarsi nelle zone di movimento dei muscoli mimici. Può infatti capitare di avere pazienti abbastanza giovani che ne abbiano necessità per la loro forte mimica e che decidano di farlo in modo preventivo, per evitare che le rughe diventino pesanti e quindi più difficili da correggere, così come pazienti con pelli più mature, già segnate dal tempo, che vogliano vedersi più distese e rinfrescate nella zona del contorno occhi e della fronte.